Consiglio del mese sull‘Employer Branding_Agosto

Consiglio del mese sull‘Employer Branding_Agosto

Gentile Lettrice, Gentile Lettore,

Il consiglio del mese sull'Employer Branding di oggi riguarda "la comunicazione interna e il coinvolgimento dei collaboratori e delle collaboratrici". Una comunicazione interna intelligente è molto più di un semplice passaggio di informazioni: è la base di un employer brand di successo e di un'atmosfera lavorativa positiva, perché l'employer branding inizia sempre all'interno dell'azienda. Come si può presentare un marchio forte all'esterno se non è vissuto e percepito internamente?

È importante capire quali aspetti della comunicazione sono particolarmente importanti per i collaboratori e le collaboratrici. Questo crea fiducia e comprensione. Si tiene conto non solo del COSA viene comunicato, ma anche del COME e del PERCHE'. Come gestisce, Lei, la comunicazione interna?

Fondamentale è ascoltare i propri collaboratori e collaboratrici. Ciò significa dedicare tempo alle domande e prendere sul serio i feedback. Organizzi dei cicli di feedback regolari. Deve esserci spazio per le critiche costruttive, ma anche per i riconoscimenti e gli elogi. Faccia in modo che le informazioni importanti arrivino a tutti i livelli e non rimangano soltanto nella cerchia dei dirigenti. Utilizzi piattaforme che non solo supportino la comunicazione dall'alto verso il basso, ma che promuovano anche lo scambio dal basso verso l'alto (app per i collaboratori). Investa in formazione sulla leadership e sulla comunicazione. Spesso non sono le informazioni mancanti, ma il "come" della comunicazione che deve essere migliorato e, a questo proposito, sono soprattutto i manager a essere dei moltiplicatori cruciali.

 Esistono molti strumenti di comunicazione. Intranet, bacheca, newsletter o riunioni periodiche: è bene scegliere i mezzi che meglio si adattano alla propria cultura aziendale. Una newsletter periodica, ad esempio, può creare trasparenza e allo stesso tempo mostrare apprezzamento verso i collaboratori e le collaboratrici. Soprattutto se include storie personali. Non dimentichi di seguire la SUA strategia di employer brand. Comunichi regolarmente e in modo specifico i vantaggi offerti dall'azienda. Faccia cose buone e ne parli.

Quando si tratta di costruire e mantenere l'employer brand, i collaboratori sono i migliori ambasciatori. È necessario coinvolgerli attivamente: attraverso focus group, team di progetto, sondaggi tra i collaboratori. Una misurazione attiva della cultura aziendale farà un'enorme differenza nel modo in cui l'azienda si impegna con i suoi collaboratori e con le sue collaboratrici, a patto che il sondaggio faccia parte di un processo olistico progettato per implementare i risultati. Per questo motivo, bisogna coinvolgere le persone, ascoltarle e integrare le loro opinioni e i loro suggerimenti. In questo modo non solo si rafforza il marchio del datore di lavoro, ma anche il senso di appartenenza e la fedeltà di chi lavora.

Le auguriamo un mese di successo e restiamo a Sua disposizione per ulteriori suggerimenti e consigli per l'implementazione. Non esiti a contattare il nostro esperto Maximilian Troendle per un'assistenza personalizzata: siamo certi che anche la Sua azienda potrà trarre grandi benefici.

Qui è possibile scaricare il nostro nuovo whitepaper: "GUIDA PRATICA:TROVARE E TRATTENERE I COLLABORATORI" per ottenere maggiori informazioni per un employer branding di successo.