Consiglio del mese sull’Employer Branding_1

Consiglio del mese sull’Employer Branding_1

Gentile Lettore, Gentile Lettrice, 

In un momento in cui diventa sempre più difficile trovare dipendenti qualificati:e, l'employer branding è diventato un fattore determinante nella competizione per i migliori talenti. L'obiettivo è quello di presentarsi come un datore di lavoro attraente per attirare e trattenere le menti migliori per l'azienda. Ma come si fa?

Un aspetto centrale dell'employer branding è quello di mettere i:le dipendenti al centro. Quando le aziende rispondono alle esigenze del personale e fanno in modo che ognuno si senta apprezzato e a proprio agio, si riesce ad ottenere un legame emotivo con l'azienda. In qualità di datore o datrice di lavoro, occorre affermare i propri valori e presentare alcune peculiarità: dopotutto, state cercando le persone che si adattano alla VOSTRA azienda. Non tutti:e i:le dipendenti sono uguali e quindi è importante definire gruppi target per rispondere ai loro desideri e bisogni specifici.

Quando i:le dipendenti sono al centro dei riflettori, a beneficiarne non è solo l'azienda, ma, naturalmente, anche il personale stesso. Perché chi si sente valorizzato nel proprio lavoro è più motivato, impegnato e produttivo. Un employer brand forte ha anche un impatto positivo sull'immagine dell'azienda e può contribuire ad essere percepiti come un datori, o datrici, di lavoro attraenti.

Cominci a definire e a mettere per iscritto i diversi gruppi target, i loro desideri, le loro esigenze e quali sono le risposte che intende dare l'azienda. Questa è la base dell'employer brand.

Se ha domande o desidera approfondire l'argomento, la invitiamo a contattare il nostro esperto Maximilian Troendle, con grande piacere potrà darle tutti i dettagli in merito.